Archivio Tag: ristrutturazione casa

Ristrutturare il bagno: cosa c’è da sapere

Ristrutturare il bagno

Prima di ristrutturare il bagno
Quando un cliente viene a chiederci un preventivo per ristrutturare la sua casa ,la prima osservazione che ci viene posta è quella relativa al rifacimento del bagno.Oramai il bagno è il primo locale che si decide di ristrutturare visto che oramai l’aspetto di design in fase di progettazione è diventato fondamentale. Ogni cliente vuole che il suo bagno sia prima di tutto “bello” a vedersi. Visto che le possibilità di personalizzare e ristrutturare un bagno sono molteplici per evitare confusione, come  in tutte le scelte relative  ad una ristrutturazione è utile , farsi accompagnare da un tecnico, designer, architetto per avere piu informazioni e non perdersi nell’indecisione.

Mi segui?Da dove inizio?A chi mi rivolgo?

Quando si decide di ristrutturare la propria casa o una porzione di essa (come in questo caso il bagno), le figure professionali a cui affidarsi diventano principalmente : il murature, l’idraulico, l’elettricista. Tre figure da coordinare, con cui interfacciarsi, a cui dettare tempi e ritmi, con cui “litigare” nel momento in cui non vengano rispettate le esigenze. Per questo motivo conviene che a seguire i lavori, vi sia una unica figura, il tramite fra le imprese ed il cliente. Una impresa chiavi in mano o un professionista, referente, che sappia coordinare le fasi della ristrutturazione.

Quali sono le fasi della Ristrutturazione di un bagno?

ristrutturare il bagnoCaso in cui non vi siano modifiche alle superfici e agli impianti ma solo cambi di finiture non sarà necessario presentare un progetto firmato da un tecnico. In caso contrario sarà neccessario presentare una C.I.L.A, comunicazione di inizio lavori asseverata che diventerà una SCIA Segnalazione Certificata di inizio Attività, nel caso in cui vengano interessate le parti strutturali; entrambe firmate da un tecnico abilitato. Nel caso si presenti una di queste pratiche è necessario presentate all’agenzia del territorio una denuncia di variazione catastale.
un elaborato grafico redatto dal tecnico o da un architetto o ingegnere o geometra che si occupa della ristrutturazione, che evidenzi il prima e dopo, un progetto corredato di elaborati grafici e magari un rendering 3D che possa simulare il risultato finale. una volta deciso cosa fare si passa alla fase successiva.
Rottura dei rivestimenti,eventualmente smantellamento i sanitari e il lavabo(dopo aver interrotto il flusso d’acqua).

Vengono rotti pavimenti,rivestimenti,piastrelle, la doccia ecc. Viene demolito il massetto e rimosse le tubazioni. Nel caso in cui si decida di cambiare/riposizionare il lavabo o il bidet vengono rimossi anche questi e vengono predisposte le “tracce” per le nuove tubazioni e rispettivi attacchi;

Posizionamento tubazioni e cavi elettrici :  In questo caso, la ditta che se ne occupa e il tecnico che dirige il lavoro si devono accertare che tutto sia svolto a regola d’arte, poichè una cattiva posa delle tubazioni può incidere notevolmente a lavori completati. Le tubazioni installate al giorno d’oggi sono in PE(polietilene),utilizzati per le loro caratteristiche di resistenza alla corrosione, alla facilità di formare raccordi e alla tipologia di diametri e lunghezze. Se viene rifatto l’impianto a lavori ultimati la ditta deve certificare ai sensi del Dm 37/08.

Ripristino Massetto: una volta completato l’impianto viene ricoperto il massetto sul quale verranno posate in seguito le piastrelle.  L’impianto elettrico sottotraccia ovviamente non sarà visibile ad occhio nudo.

Posa sanitari,docce, e rubinetti : A lavori ultimati viene effettuato il collaudo dell’impianto con verifica della sufficiente pressione dell’acqua ed eventuali perdite.
tinteggiatura e posa rivestimenti: Come ultima fase viene rititenteggiato il locale e posati i rivestimenti scelti dal cliente.
Come avrete notato è facilmente intuibile dall’elenco di sopra che, avere un referente unico per seguire i lavori comporta un notevole risparmio di tempo e di denaro.

Affidarsi ad unico referente per la ristrutturazione. Perchè?

Si può pensare che affidandosi ad un unico referente per la ristrutturazione della propria casa o di una porzione di essa possa comportare un notevole aumento del prezzo finale. La risposta può essere affermativa ma in pratica “pagare” il professionista ci porta ad evitare:
  • responsabilità;
  • perdita di tempo per interfacciarsi con gli artigiani;

Legge di stabilità 2016: nuove regole per bonus ristrutturazioni ed ecobonus

Ecobonus e ristrutturazione edilizia

Leggi tutto »