Archivio Tag: scaldabagno

Quale scaldabagno scegliere

Lo scaldabagno, comunemente chiamato boiler è l’apparecchio che riscalda l’acqua per usi domestici e non. la maggior parte degli scaldabagno è alimentato attraverso la corrente elettrica e in alcuni casi a gas(metano o GPL).

Gli scaldabagno possono essere istantanei od ad accumulo. Nel primo caso l’acqua calda viene fornita istantaneamente e senza limitazioni. Nel secondo caso sono necessarie alcune ore affinchè l’acqua arrivi alla temperatura desiderata.

Scaldabagno: Elettrico o a gas?

La scelta di uno scaldabagno elettrico oppure a gas è dettata da una serie di limitazioni quali ad esempio, l’assenza di erogazione di gas in alcune zone della nostra penisola.
Lo scaldabagno elettrico è usato nella maggior parte dei casi ma, considerando i costi elevati dell’energia elettrica nella nostra penisola a conti fatti conviene molto più quello a gas.

La scelta di un apparecchio alimentato ad energia elettrica può essere conveniente in quei casi in cui è previsto un utilizzo saltuario come in ambienti non domestici quali capannoni, uffici, pub.</p>

Scegliere lo scaldabagno elettrico

scaldabagno elettricoSe la scelta deve ricadere per causa di forza maggiore verso uno scaldabagno elettrico vi sono alcuni accorgimenti che si possono seguire per poter contenere al massimo le spese ed i consumi energetici.

Scegliere un apparecchio di dimensioni adeguate. Una famiglia di 4 persone consuma mediamente 180-200 litri al giorno. Per evitare dispersioni termiche si consiglia di non installarlo vicino ad una finestra o vicino ad una parete fredda od umida.

Va inoltre installato più vicino possibile agli impianti che lo devono sfruttare, riducendo in questo modo le perdite di calore dovute al passaggio dell’acqua calda nelle tubazioni.

Un altro accorgimento da avere è quello di regolare il termostato del boiler su 60°C nelle stagioni più fredde e su 40°C nei periodi più caldi. Come facilmente intuibile , mantenere una temperatura troppo elevata comporta un consumo più elevato di energia elettrica e l’aumento dell’importo della bolletta.

Scegliere lo scaldabagno a gas

scaldabagno a gasGli scaldabagno a gas non sono così diffusi come quelli elettrici sebbene più economici in termini di costi in bolletta.
Gli apparecchi che al momento si trovano nella maggior parte dei casi sono quelli a fiamma pilota, pochi quelli senza.

Gli apparecchi con fiamma pilota sono riconoscibili da una fiammella in vista, perennemente accesa, mentre quelli senza fiamma pilota si attivano attraverso una scintilla generata da una batteria.

Sono inoltre dotati di un bruciatore che regola la fiamma e quindi la richiesta di calore in modo tale da ottimizzare i consumi del combustibile.

Un buon scaldabagno a gas deve essere in grado di mantenere la temperatura costante in tutti i casi, sia che vi sia un flusso di acqua costante sia quando i rubinetti sono aperti al minimo; oltre che verificare un valore di efficienza minimo imposta da legge (UNI EN26:2015) pari al 84%.

Vista la presenza del combustibile, il locale dove è installato l’apparecchio deve presentare una apertura di ventilazione di almeno 100 cm quadrati e rispettare una volumetria di almeno 20 metri cubi.